OmniAuto.it

25 giugno 2017

Semafori countdown dal 19 dicembre 2017: ci hanno messo 6 anni!

 

Conto alla rovescia per i semafori

Conto alla rovescia per i semafori

Dal 19 dicembre 2017 potranno essere installati sulle strade italiane i semafori con il countdown, purché omologati. Lo dice poliziamunicipale.it. È infatti stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 19 giugno 2017 il tanto atteso decreto del ministero dei Trasporti del 27 aprile 2017 recante “Caratteristiche per omologare e installare dispositivi finalizzati a visualizzare il tempo residuo di accensione delle luci dei nuovi impianti semaforici”, titolo così rettificato come da comunicato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 21 giugno 2017.

Ai sensi dell’art. 60, comma 1, della legge di riforma stradale n. 120 del 29 luglio 2010, il ministro, sentita la Conferenza Stato-città e autonomie locali, avrebbe dovuto emanare entro il 12 ottobre 2010 il decreto per definire le caratteristiche per l’omologazione e per l’installazione di dispositivi finalizzati a visualizzare il tempo residuo di accensione delle luci dei nuovi impianti semaforici: il conto alla rovescia, per capirci.

Dopo un’attesa durata più di sei anno e mezzo, il decreto ministeriale del 27 aprile 2017, applicabile dal 19 dicembre 2017, detta finalmente le condizioni per l’abbinamento delle tabelle contasecondi con le lanterne semaforiche, che è consentito soltanto in occasione dell’installazione di nuovi impianti semaforici o della sostituzione congiunta delle lanterne e del regolatore semaforico.

Le luci countdown dovranno essere installate in abbinamento con le lanterne semaforiche cui sono associate, in posizione autonoma, poste in alto al di sopra della luce rossa fino all’altezza massima di 4 metri dal piano viario. Le tabelle contasecondi potranno essere installate anche per regolare i sensi unici alternati temporanei istituiti in caso di cantieri stradali.

Insomma, i politici ci hanno messo un’eternità a dare l’ok ai semafori countdown. Hanno fatto la legge sull’omicidio stradale sbagliata, tanto che ora la rifanno. Ancora manca il decreto autovelox per impedire che i Comuni facciano cassa. E poi ci si stupisce che la sicurezza stradale in Italia non migliora.

di Ezio Notte @ 21:03


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.