OmniAuto.it

22 agosto 2011

Si parla troppo di velocità. Anche la curiosità uccide

La curiosità uccise il gatto

Tutti a parlare di velocità, multe per chi corre troppo, Tutor che dimezza le morti (ma a furia di dimezzarle i morti finiranno prima o poi, o no?). Ma di rado si sente dire: attenzione, anche la curiosità causa incidenti e uccide. Sì, la curiosità. Volete un esempio?

Otto feriti sull’Autostrada A22 per un tamponamento a catena. Ebbene, gli automobilisti rallentavano per guardare una macchina in bilico. Si era i caselli di Mantova Nord e Mantova sud, sulla carreggiata sud.

Se non c’è scappato il morto, è solo per miracolo.

Perché non esiste solo la velocità, nonostante quello che vogliono farvi credere. C’è pure l’attenzione verso la strada e gli altri veicoli.

In quanto alle statistiche, magari questo tamponamento verrà allegramente catalogato come dovuto all’eccesso di velocità…

foto flickr.com/photos/sergemelki

di Ezio Notte @ 00:01


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. Voi chiamatela CURIOSITÀ io la chiamerei PAURA trovarsi a passare sotto un cavalcavia e accorgersi che una macchina è in bilico nel cadere giu, non è CURIOSITÀ ma PAURA di morire schiacciati dalla macchina che in bilico poteva cadere sopra di voi…Io c’ero ed ero a pochi metri di distanza dal maxitamponamento NON GIUDICATE LE REAZIONI DEGLI ALTRI DAVANTI AD UN PERICOLO SE NON SAPRESTE NEANCHE VOI COSA FARE…SE CURIOSARE O AVERE PAURA DI PROSEGUIRE DRITTI OLTREPASSANDO IL CAVALCAVIA PREGANDO CHE LA MACCHINA NON CADA SOPRA DI VOI MENTRE PASSATE!!!

    Commento by Laura — 23 agosto 2011 @ 01:07

  2. Se hai paura, scappa via, non fermarti.

    Commento by Ezio Notte — 23 agosto 2011 @ 09:08

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.