OmniAuto.it

30 settembre 2017

Sinistro stradale? Non sempre rischi la patente

 

Patente: una sentenza decisiva

Patente: una sentenza decisiva

L’autista che resta coinvolto in un incidente stradale non rischia sempre la patente di guida: lo chiarisce Poliziamunicipale.it. Principio che vale anche se gli organi di vigilanza gli hanno contestato delle infrazioni stradali, purché non si tratti di violazioni gravi e non ci siano danni alle persone coinvolte. Lo ha chiarito il Tar Marche, sezione prima, con la sentenza 736 del 25 settembre 2017.

Vediamo che cosa è successo. Un conducente è rimasto coinvolto in un incidente alla guida di un autocarro troppo carico di merce e con violazioni palesi alle norme di comportamento. Al ricevimento della relazione della Polizia Stradale, la Motorizzazione ha adottato un provvedimento cautelare di revisione della patente di guida ai sensi dell’articolo 128 del codice della strada. Contro questa misura l’interessato ha proposto con successo ricorso ai giudici amministrativi. Non basta fare riferimento alle multe collezionate dall’autista negligente per attivare la revisione della patente prevista per valutare la persistenza dei requisiti tecnici e fisici necessari per guidare, specifica la sentenza. L’amministrazione deve specificare bene quali sono i motivi che ingenerano i dubbi sulle capacità dell’autista. Altrimenti il provvedimento è annullabile.

Ma cosa dice in generale l’articolo 128 del Codice della Strada? La Motorizzazione (o il Prefetto nei casi previsti dagli articoli 186 e 187, ossia per alcol e droga), possono disporre che siano sottoposti a visita medica presso la commissione medica locale o a esame di idoneità i titolari di patente di guida qualora sorgano dubbi sulla persistenza nei medesimi dei requisiti fisici e psichici prescritti o dell’idoneità tecnica. L’esito della visita medica o dell’esame di idoneità sono comunicati ai competenti uffici competenti della Motorizzazione.

Ricordiamo che invece è sempre disposta la revisione della patente quando il conducente sia stato coinvolto in un incidente stradale se ha determinato lesioni gravi alle persone e a suo carico sia stata contestata la violazione di una delle disposizioni da cui consegue l’applicazione della sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente.

di Ezio Notte @ 19:00


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento »

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Lascia un commento