OmniAuto.it

29 gennaio 2017

SMRE, eccellenza italiana dalla Cina con furore

 

gal-iet-2-big

SMRE. eccellenza italiana

L’Italia, nonostante le sue distopie, era e resta piena di eccellenze straordinarie. Ne è un esempio SMRE, con sede a Umbertide (PG), oltre 70 dipendenti e forte vocazione internazionale (60% del fatturato realizzato all’estero), è specializzata nello sviluppo di soluzioni altamente tecnologiche nei settori Automation e Green Mobility. Fondata nel 1999, la Società è attiva in due settori: Green mobility dove, grazie allo sviluppo di innovativi powertrain integrati, realizza KIT di elettrificazione e componenti dedicati al mondo della mobilità elettrica e ibrida; Automation, dove si dedica alla progettazione e realizzazione di macchinari e impianti industriali su misura dedicati alla lavorazione di tessuti e materiali tecnici e speciali SMRE opera con due siti produttivi in Italia e attraverso la propria controllata negli Stati Uniti.

Ora, si concretizza un primo importante accordo di sviluppo e fornitura tra IET (Gruppo SMRE) e uno dei primi 5 produttori di veicoli industriali al mondo, che già realizza una gamma di veicoli elettrici e che ha deciso di utilizzare per i nuovi modelli la tecnologia MRT sviluppata da SMRE. L’accordo prevede al termine della fase di industrializzazione una prima fornitura per la motorizzazione di 1000 veicoli. La gamma in sviluppo comprende 5 modelli dalle 2,5 alle 25 tonnellate complessive ed avvio della produzione a partire dai primi di settembre 2017.  L’accordo raggiunto prevede la procedura di omologazione delle cinque piattaforme a cura del costruttore, di cui tre entro dicembre 2017 e le due rimanenti entro giugno 2018.

Samuele Mazzini, CEO e Fondatore di SMRE, ha commentato: “Io e il mio team da quasi un anno stiamo lavorando ad accordi di fornitura OEM (Original Equipment Manufacturer) come questo e oggi vediamo il frutto di anni di sforzi e sacrifici. Quanto annunciamo è la conferma di quanto avevamo anticipato in occasione del recente annuncio della costituzione di una joint venture produttiva in Cina che sarebbe servita a supportare i grandi costruttori Cinesi che già producono migliaia di veicoli commerciali elettrici al mese. La nuova regolamentazione cinese, imponendo vincoli di efficienza e qualità elevati, di fatto ci ha portato di colpo in cima alla lista dei costruttori di powertrain elettrici per veicoli commerciali. Avere lavorato da sempre con l’obiettivo di elevata efficienza e pesi contenuti sta pagando più di quanto avremmo mai immaginato. Oggi per chi produce componenti per veicoli elettrici la Cina è il mercato di riferimento. I nostri nuovi clienti già producono centinaia di veicoli elettrici al giorno, il mercato è in costante crescita e l’elettrico è già una realtà importante. Grazie alle scelte compiute e alle strategie avviate stiamo cogliendo le opportunità che si stanno presentando e questo potrebbe essere solo l’inizio”.

di Ezio Notte @ 18:22


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.