OmniAuto.it

6 marzo 2010

Soldi del ricorso restituiti dal Comune? È più facile che un cammello passi per la cruna d’un ago

2124155541_603191de11
Se fai ricorso al Giudice di pace, devi sborsare 38 euro: così vuole la Finanziaria 2010 in vigore da inizio anno. Chi è sicuro di vincere rivedrà mai i soldi dati allo Stato? Quei 38 euro di balzello torneranno nelle tasche dell’automobilista vessato? Nessuno lo sa.

Ma vediamo chi dovrebbe restituirli. Infatti, è vero che tu dai i quattrini allo Stato sottoforma di odiosa tassa (38 euro) per ricorrere al Giudice di pace, ma non è proprio il Fisco che te li deve ridare se vinci il ricorso. È invece l’ente contro cui hai ricorso che dovrebbe avere (usiamo il condizionale perché ci sono zero certezze) l’obbligo di rimborsarti i 38 euro.

Quindi, se fai ricorso contro una multa data dalla Polizia stradale, e vinci, il tuo creditore è il ministero degli Interni. Quante probabilità ci sono di rivedere i denari? Parecchie. Io direi che c’è la matematica certezza.

Adesso, invece, analizziamo l’ipotesi più frequente: una multa data da un Comune. Ma sì, con quelle maledette e schifose telecamere che ti fottono a ogni piè sospinto. Metti di vincere il ricorso. Rivedrai mai i tuoi 38 euro versati inizialmente versati? Be’, sinceramente ci crediamo poco. È una brutta roba avere un credito con un Comune. Un po’ come quando gli chiedi i soldi per i danni delle buche delle città al tuo veicolo: prima di ottenere i quattrini, fai in tempo a crepare tre volte.

Insomma, non si sa se né come né quando i soldi verranno dati indietro. Specie se i quattrini devono arrivare dai Comuni. Che squallore.

di Ezio Notte @ 18:00


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. […] fare ricorso al Giudice di pace, si devono versare 38 euro di tassa. Una vergogna, in vigore da inizio 2010. È pazzesco: a nostro giudizio, il balzello lede […]

    Pingback by Giudice di pace: ricorso a pagamento. Vergogna costituzionale | Automobilista.it — 7 marzo 2010 @ 13:40

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.