OmniAuto.it

28 giugno 2011

Speroni e lo scherzetto dei 300 all’ora in Germania. Sconsiglio vivamente per 4 motivi

Non fate sciocchezze

1) È vero. Su metà autostrade tedesche non ci sono limiti. Speroni era in regola. Ma se subisci un incidente senza colpa, ti becchi comunque una percentuale della responsabilità: un quarto. Quindi, se ti spaccano la macchina da 100.000 euro, te ne vengono rimborsati 75.000. Sta a te dimostrare che l’incidente si sarebbe verificato anche a 130 km/h, ossia alla velocità consigliata, e che i danni si sarebbero avuti ugualmente.

2) La velocità non è solo relativa ai limiti, ma alla situazione in cui si guida. Se io guido a 300 all’ora in Germania dove non ci sono limiti, e ho un incidente, dopo mi tocca fare quattro chiacchiere con la Polizia tedesca. E garantisco che non è come cercare di farsi togliere la multina per divieto di sosta dall’amico vigile del paesino di poche anime. Con i poliziotti crucchi, c’è poco da simpatizzare. Per cominciare, c’è il rischio di una bella sanzione per velocità non commisurata alla situazione in cui guida.

3) Non si deve ragionare sotto il profilo del Codice della strada tedesco, che non pone limiti su metà autostrade. Occorre pensare alla responsabilità civile e penale di una guida a 300 km/h.

4) Piano poi con gli aggeggini che fanno i video in auto a 300 all’ora. Un poliziotto tedesco o svizzero o austriaco che ti becca con la telecamerina o col cellulare a fare riprese, e magari pizzica l’aggeggio fra i rottami dell’auto dopo un incidente, non gradirebbe affatto.

di Ezio Notte @ 22:56


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. Sulla demente oscenità di tale ex ministro ( e di tutti i suoi seguaci) conviene stendere un velo pietoso. Non provano vergogna o rimorso costoro?

    Commento by roberto — 29 giugno 2011 @ 00:48

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.