OmniAuto.it

3 ottobre 2009

Statistiche ufficiali: furti d’auto in calo. Ma non dimenticate i riscatti…

Furti in calo. E i riscatti?

Furti in calo. E i riscatti?

Le aziende che producono antifurto faranno i salti di gioia: secondo le statistiche ufficiali, il numero di furti d’auto in Italia sta calando, anno dopo anno. Una tendenza irreversibile. Adesso è il turno dei mass media. Il giochino è facile: basta dire che gli antifurto sono sempre più sofisticati e tecnologici, così il ladro rinuncia e la macchina resta lì dov’è.

Quelle le statistiche ufficiali, che leggi sui mass media. Poi ci sono i blog come Automobilista.it, che amano scovare qualche segreto, magari rimasto involontariamente taciuto. È il caso del riscatto dell’auto. Si tratta di una pratica molto diffusa al Sud Italia, specie Napoli, Caserta e Foggia. Il ladro ruba l’auto, contatta il proprietario per telefono, chiede un riscatto, e la vittima sborsa qualche centinaia di euro per riottenere la vettura. Talvolta, se la macchina è di valore, il riscatto richiesto ammonta a migliaia di euro.

Ma i riscatti, e i furti che li generano, rientrano nelle statistiche ufficiali? No. Perché il proprietario non denuncia né il furto né tantomeno il riscatto.

Per carità, non vogliamo dare contro gli automobilisti che cedono ai criminali, pagando il riscatto: troppo facile e perfino ipocrita criticare le vere vittime del sistema. Semplicemente, ci teniamo a fare tre considerazioni.

a) Le statistiche ufficiali sui furti sono da prendere con le molle. Esattamente come andavano analizzate con un certo distacco le statistiche sull’inflazione a cavallo dell’entrata dell’euro. Se tu avverti che la vita costa il doppio e ti dicono che l’inflazione è cresciuta del 3%, a chi credi: a te stesso e al tuo portafoglio oppure ai numeri dei mass media?

b) Un ladro professionista prende tutti gli antifurto delle auto e se li mangia in pochi minuti. Al massimo, gli antifurto possono tenere alla larga qualche tossico che vuole cannibalizzare la vostra utilitaria.

c) La vera dimensione del fenomeno furti la danno le Assicurazioni, con le loro polizze. Calano le tariffe delle garanzie Furto e incendio? Ho seri dubbi. Quindi, i ladri fanno più paura che mai.

foto flickr.com/photos/mbiddulph

di Ezio Notte @ 16:43


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. i furti in calo? io ho un autonoleggio ed è uno schifo! la legge non ci tutela, anzi tutela i ladri. poi ci si scandalizza quando i tabaccai, esasperati dopo un’ennesima rapina, sparano…bhè, noi nell’ultimo anno abbiamo “perso” 3 veicoli. dico perso perchè per la nostra legge un’appropiazione indebita non è furto, infatti sono in calo, ma io l’auto non la trovo più, quindi è colpa mia, l’ho persa. e se cerchi di capire dov’è finita le nostre forze dell’ordine ti danno uno stop, attenzione, non esagerare con le telefonate, altrimenti chi ti ha preso l’auto e non te la ridà ti può denunciare per molestia, e allora sono cazzi tuoi. ecco dove viviamo noi, in uno stato di merda! grazie per lo sfogo!

    Commento by romina — 14 maggio 2010 @ 22:47

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.