OmniAuto.it

16 ottobre 2013

Stazioni di servizio: il manometro non ti dà una mano

(Mano)metri (mano)messi

Vuoi guidare in sicurezza e consumare il meno possibile, allora vai in stazione di servizio per misurare la pressione degli pneumatici, attendi che le gomme siano alla temperatura giusta, usi l’attrezzo e pensi di essere a posto. Perché “pensi”? Perché, in realtà, 9 volte su 10, non sei per niente a posto. Il motivo? Semplice: l’attrezzo in stazione di servizio, 9 su 10, funziona male. Ti conta bugie. Parliamo del manometro. Ma, poverino, lui non c’entra nulla. Dopo un po’, necessita di cure anch’esso. Sul banco degli imputati ci sono le stazioni di servizio, chi le gestisce a essere precisi: il quadro, inquietante e drammatico (chi va con gomme senza la pressione corretta rischia la vita e mette a repentaglio quella altrui), è emerso dalla più recente indagine di SicurAUTO.it.

Perché, ricordiamolo, per funzionare nel migliore dei modi, lo pneumatico dev’essere gonfiato alla pressione corretta, ovvero quella prescritta dal Costruttore. Pressioni diverse, inferiori o superiori che siano, non permettono allo pneumatico di svolgere al meglio il suo lavoro, andando a inficiare la sicurezza di tutta l’auto. Nel corso del sul campo, ci spiega Claudio Cangialosi di SicurAUTO.it, “abbiamo percorso 3.051 km di strade italiane, controllando quasi 300 stazioni di servizio. Il 90% dei manometri nelle stazioni di servizio urbane, extraurbane e autostradali non funziona correttamente: su 298 apparecchi controllati, solo il 10% sono precisi e affidabili. Il 39% dei manometri è tarato con un errore negativo (quindi un valore inferiore alla reale pressione), il 36% con un errore positivo. Abbiamo registrato la maggiore percentuale di dispositivi starati al Centro Italia (86,5%) e al Sud (75,8%). Addirittura, in Campania, abbiamo trovato un manometro con errore di -1,95 bar, mentre nel Lazio ce n’era uno che segnava +1,2 bar. La staratura media rilevata sul territorio nazionale è stata di 0,3 bar”. Il solito dramma meridionale.

Il sito denuncia che, in 47 stazioni (16% del campione), sono stati trovati manometri rotti (oppure non c’erano proprio), mentre in 10 stazioni di servizio erano sotto chiave. In 3 aree di servizio bisognava pagare 1 euro per far controllare le gomme e in viale Marconi a Roma il costo sale a 2 euro. Complimenti a questi esattori della pressione.

di Ezio Notte @ 20:55


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.