OmniAuto.it

14 luglio 2010

Sud, il dramma delle infrastrutture. E del denaro perduto

Sud Italia, strade peggiori che al Nord

Via lestradedellinformazione. Tre aspetti drammatici della questione meridionale.

a) Secondo uno studio di Unioncamere-Istituto Tagliacarne, il Sud, dal punto di vista delle infrastrutture, risulta afflitto da una serie di ritardi: rispetto al Nord, ci sono meno strade, ferrovie, aeroporti e ospedali.

b) Il divario negli ultimi 10 anni è aumentato dell’1% rispetto alla media del Paese. Eppure pare che in ballo ci fossero svariati miliardi per accelerare il processo di sviluppo delle regioni dell’Unione europea più arretrate nel campo delle infrastrutture e dei servizi. Ma quel denaro che fine fa?

c) Il Sud patisce un gap del 34,6% rispetto al Nord-Est. Per quel che riguarda la rete stradale, il Sud registra un divario del 28,6% rispetto al Nord-Ovest e del 20,2% nei confronti del Centro-Nord. In questo caso, hanno influito positivamente i massicci investimenti dell’Anas, impegnata in tutta Italia con lavori per un importo pari a 43 miliardi di euro e ha destinato alle regioni del Sud 23 miliardi di euro.

di Ezio Notte @ 00:02


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. […] programmazione economica) abbia appena approvato investimenti pari a 2,1 miliardi di euro per nuove opere infrastrutturali e abbia reso operativi contributi già approvati per un importo di 3,1 miliardi di […]

    Pingback by Nuove opere infrastrutturali: investimenti fa rima con succulenti | Automobilista.it — 31 luglio 2010 @ 00:03

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.