OmniAuto.it

18 settembre 2009

Taglio di punti al ciclista: caro Parlamento, perché vuoi eliminare una norma intelligente?!

Punti-patente: giusto tagliarli anche ai ciclisti

Punti-patente: giusto tagliarli anche ai ciclisti

Oggi c’è una regola che noi di Automobilista.it condividiamo in pieno: se un ciclista ha la patente e passa col semaforo rosso, perde i punti della licenza di guida. Idem per altre infrazioni taglia-punti. Giusto: le violazioni gravi e pericolose per la sicurezza vanno punite in modo adeguato, visto che pure i ciclisti usano le strade, come ogni altro essere vivente.

E invece, in base a indiscrezioni che abbiamo raccolto di persona, il Senato intende modificare la norma che prevede la decurtazione di punti patente a chi commette infrazioni in bici. Sono certo che i politici non stanno cercando facili consensi, ma vogliano semplicemente migliorare la sicurezza stradale. Per diamine, per una volta che era stata introdotta una regola davvero intelligente (fra l’altro applicata diligentemente dalla Polizia), non so perché si vuole cancellarla.

Spero che durante la discussione in Senato e la ridiscussione alla Camera del testo di legge, i nostri politici usino bene la testa: chi va in bici e passa col rosso o tiene il cellulare in mano commette violazioni che possono causare incidenti gravi, con lesioni fisiche. Un guaio anche per i costi sociali e sanitari. Che i parlamentari lascino pure starnazzare le associazioni di ciclisti: si badi alla sicurezza stradale e non alle lobby inacidite.

foto flickr.com/photos/vrogy

di Ezio Notte @ 23:36


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.