OmniAuto.it

5 febbraio 2012

Tenetevela, la vostra scatola nera

Aldo Minucci, presidente Ania

Appena il Governo, col Decreto liberalizzazioni, parla di scatola nera, le Assicurazioni puntualizzano attraverso Aldo Minucci, presidente Ania, che così si è espresso in Senato: “Installazione delle scatole nere. Dimostrazione pratica della correttezza della misura è il fatto che il mercato sta già sperimentando numerose soluzioni al riguardo. I contratti r.c. auto abbinati a scatole nere sono già più di un milione e hanno caratteristiche tra loro diverse. Ciò dipende essenzialmente dal fatto che la scatola nera può avere numerose funzionalità, alcune delle quali non connesse con il contratto di assicurazione (si pensi alla funzione di richiesta di aiuto e/o assistenza). Ma sempre gli assicurati ottengono uno sconto di premio, immediatamente o a seguito di un periodo di osservazione annuale dopo aver dimostrato la correttezza dei propri comportamenti alla guida.

La norma prevede, inoltre, che i costi di installazione del meccanismo restino a carico delle compagnie offerenti. Già oggi i costi di installazione, nella grande maggioranza dei casi, non sono a carico degli assicurati, ma vengono ripartiti attraverso varie formule contrattuali tra le compagnie e le società fornitrici del dispositivo e del servizio ad esso abbinato.

La questione dei costi associati all’installazione della scatola nera, al suo smontaggio (per cambio macchina o fine del contratto) e al servizio di monitoraggio del veicolo è assai rilevante, perché i costi complessivi sono piuttosto elevati e devono pertanto trovare un ragionevole equilibrio nell’ambito del rapporto compagnie/clienti, in modo da consentire effettivi vantaggi agli assicurati sul versante della riduzione tariffaria r.c. auto ottenibile rispetto a contratti tradizionali.

In futuro, siamo già impegnati in tal senso, sarebbe molto utile se la scatola nera fosse installata di serie sui veicoli, lasciando ovviamente all’automobilista la decisione se attivarla a fini assicurativi. Va da sé che una riduzione dei costi dei servizi forniti attraverso le “scatole nere” potrà derivare dal presumibile consistente aumento del loro utilizzo.

È di tutta evidenza che la riduzione significativa dei prezzi delle polizze abbinate a questi dispositivi è strettamente correlata alla condizione che restino a carico dell’impresa i soli costi di installazione.

Ritengo inoltre, che la disposizione dovrebbe consentire di determinare la riduzione di premio sia ex ante, al momento della stipulazione del contratto, sia ex post, ossia a seguito della verifica del comportamento dell’assicurato dopo un primo periodo di operatività di tale forma contrattuale. In questo modo si favorirebbe un utilizzo virtuoso della scatola nera, rendendo possibili significativi effetti positivi soprattutto nelle aree territoriali caratterizzate da più 5
elevati livelli dei prezzi”.

Quindi. L’Assicurazione non vuole accollarsi il costo dell’installazione della scatola nera. Bell’inizio. Che se la tengano la loro scatola nera. Per loro solo vantaggi e zero oneri. Troppo facile.

di Ezio Notte @ 19:26


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. Il problema reale è costituito dai 3.500.000 auto che circolano senza RC auto. Perchè nessuno lo dice?
    24 dicembre 1969 nasce l’obbligo dell’assicurazione sulla responsabilità civile automobilistica. Lo sai che sono passati 42 anni ????? Non tutti hanno ancora ben capito che “è obbligatoria” !!!!!
    Se vi interessa approfondire il concetto basta andare au Facebook alle pagine “Lo sai che” e “Liberalizzazioni Rc Auto: Lo Sai Che?”

    Commento by Umberto Costa — 6 febbraio 2012 @ 00:18

  2. Sig. Minucci, qui la questione inizia a diventare seria… in Italia la dobbiamo piantare di fare scarica barile, le compagnie assicurative aumentano il costo delle polizze quasi a rendere l’auto non più un mezzo di trasporto ma un lusso, piangono miseria ma chiudono in attivo, e quando poi qualcuno tenta di riportare una regola dimostrando che ci sono più automobilisti onesti che disonesti, e che forse l’incremento del costo sulle polizze auto è un tantinello esagerato, le compagnie assicurative cosa fanno dietro frunt. L’installazione di scatole nere dovrebbe essere un vantaggio per le compagnie assicurative e non un onere, da nettere tra gli investimenti di sicuro rientro.

    Commento by Mauro — 13 febbraio 2012 @ 12:10

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.