OmniAuto.it

21 ottobre 2009

Truffe Rc auto: carissimi assicurati, non ne uscirete mai vivi

683629677_f708da2c17

Tariffe Rca: tempi duri

Interessanti i concetti espressi al “Sole 24 Ore” da Alessandro Santoliquido, direttore generale di Sara. Li sintetizziamo in basso.

a) Due terzi dei risarcimenti Rc auto arrivano dai danni alla persona.

b) Le truffe sono in aumento, specie al Sud: vedasi colpi di frusta inventati.

c) In Campania, si concentra il 10% del portafoglio e il 30-40% delle nostre spese legali.

d) Il Tribunale di Milano ha redatto nuove tabelle in materia di risarcimento dei danni fisici. Per effetto di queste decisioni, le Rca dovrebbero aumentare tra il 4 e il 6%.

Automobilista.it ricapitola per voi: l’Italia è il Paese delle truffe, degli incidenti falsi, dei rimborsi gonfiati. E poi ci si mette anche il Tribunale di Milano a schierarsi con gli automobilisti… Così le Rca saliranno.

La morale è che non c’è scampo per voi assicurati onesti. Potete non fare incidenti per anni, pagare le Rca in modo puntuale e preciso, rispettare il Codice delle Assicurazioni e quello della strada; ma non avete via d’uscita: vi svenerete sempre di più, in eterno. Perché le truffe di piccoli e grandi delinquenti in campo assicurativo le paga la collettività.

D’altronde, vi avevamo avvertiti con un post del 16 ottobre, quando vi parlavamo di frodi assicurative (in salita) e di bilanci delle Compagnie (in discesa). Non difficile prevedere rincari tariffari.

foto flickr.com/photos/mikekline

di Ezio Notte @ 00:07


5 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 5 Commenti

  1. […] le Rca rincarano, la responsabilità è dei colpi di frusta, specie del Sud Italia: vedi qui e qui. Poi ci sono i costi di riparazione dei veicoli, sempre in crescita. Senza dimenticare la […]

    Pingback by Assicurazioni: e chi le smuove più da quella botte di ferro? | Automobilista.it — 2 novembre 2009 @ 00:02

  2. […] Fai del bene alla collettività: se l’Assicurazione rimborsa i truffatori, questo andrà a incidere […]

    Pingback by Rc auto: fate pagare le truffe ai disonesti! | Automobilista.it — 18 novembre 2009 @ 23:36

  3. Salve e tutti.
    Io sono di Napoli e sono rimasto inorridito della differenza che esiste tra Nord e Sud per quando riguarda queste maledette assicurazioni e maledetti tutti quelli che hanno truffato le Assicurazioni e continuano a farlo specialmente qui al Sud e sopratutto a Napoli.
    Ma non e assolutamente giusto che però si faccia di “tutta l’erba un solo fascio” perche poi cosi si punisce anche chi e un cittadino onesto e non ha mai truffato nessuno ne tantomeno le assicurazioni! bisogna assolutamente fermare questa enorme ingiustizia, fate una legge, fate qualcosa,poi per non parlare della speculazione che ormai si fa su queste maledette polizze, ma come si fa a vivere in questo modo, non e giusto il governo deve fermare questo schifo, possibile che io per assicurare uno scooter 150 che per me e il lavoro stesso devo pagare dai 800 ai 1500 euro annue solo l’assicurazione base, e per una moto che poi a guidarla e una persona di 42 anni con 23 anni di patente b ma allora e vero che chi si comporta sempre bene lo prende sempre a quel servizio, poi dicono che il sud non e abbandonato a se stesso ditemi un po voi. per forza che l’italia e sopratutto il Sud sta facendo veramente una brutta fine e questa e solo una goccia nell’oceano venite a vivere a Napoli per vedere le ingiustizie mostruose che sono costrette a pagare le persone per bene e onesti cittadini e comunque i furti le truffe e quant’altro non avvengono solo a Napoli purtroppo Napoli porta la brutta nominata, che schifoooooo!!!

    Commento by Giovanni — 4 gennaio 2010 @ 08:46

  4. […] “Sole 24 Ore”, leggiamo che Alessandro Santoliquido, direttore generale di Sara Assicurazioni, ha un’idea per abbassare i costi a carico delle […]

    Pingback by Santoliquido (Sara Assicurazioni) vuole limitare fortemente i risarcimenti per le microlesioni? Bene. Allora le tariffe Rc auto devono scendere del 75%! | Automobilista.it — 9 aprile 2010 @ 23:35

  5. Bhe! basta pensare che chi come me, vittima di un serio “colpo di Frusta”, e non solo, sto vedendo le pene dell’inferno per avere indietro il sindacale..

    Se l’assicurazione non fosse obbligatoria e meno “autorevole” ci sarebbero meno truffe…

    basterebbe cosi come fanno in america assicurare la responsabilità civile, il minimo per non finire in galera in caso di incidente..

    invece si incorre a semestrali paurose…
    i bonus malus creazione mostruosa…

    i livelli si parte dalla classe 14

    e i vecchi pensionati che sono i pericoli numero 1 delle strade categoria 1 e la legge bersani di merda che ti fà ripartire da 1 basta che ti porti la residenza a casa del vecchietto che guida 2 volte l’anno…

    L’italia sei FESSA no desta ….

    Idea eccezionale?

    vecchietti sopra i 60 anni tutti in classe 20 e se non gli conviene mezzi pubblici…

    neo patentati, classe 15 per i primi 5 anni fissa.

    gli altri classe 25 fissa se vuoi avere un 2500 di cilindrata…

    i poveri operai, dipendenti e categorie da 1200 euro di stipendio..?

    400 euro fisse l’anno.. :)

    e basta :)

    Commento by Jonathan — 15 giugno 2010 @ 19:07

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.