OmniAuto.it

18 giugno 2010

Truffe Rc auto: l’agente Pisano ci racconta tutto sugli incidenti falsi

Truffe Rca: Bassotti scatenati

Truffe Rca: Bassotti scatenati

È fuori di dubbio che le frodi nel settore Rca incidano pesantemente sul caro-tariffe. Ma noi di Automobilista.it abbiamo voluto capirci di più. Ed ecco a voi una chiacchierata con Roberto Pisano, agente di assicurazioni plurimandatario, nonché presidente provinciale di Cagliari dello Sna (Sindacato nazionale agenti di Assicurazione).

Le frodi sono solo al Sud, vedi Napoli e Caserta?
No, le frodi sono dappertutto, in misura diversa. Nel Meridione d’Italia, c’è una maggiore concentrazione di frodi rilevanti, cosa che sta provocando la fuga delle Compagnie, le quali bloccano il turnover degli agenti evitando di concedere nuovi mandati e, laddove continuano a operare, lo fanno con tariffe talmente elevate da scoraggiare il consumatore: si sta sviluppando il nuovo fenomeno di una massa di veicoli che circolano senza assicurazione, con la sicura conseguenza di un alto costo sociale.

Ma quali sono le truffe più diffuse?
Ce n’è per tutti i gusti e potrei fare molti esempi: l’acquisto di auto recenti, di grande valore, gravemente danneggiate a causa di incidenti fuori dall’ambito della Rca, per le quali sono stati costruiti sinistri fasulli “su misura” con altre auto di persone compiacenti nel ruolo di responsabili; la proposta da parte di malavitosi a ragazzi che avevano riportato lesioni, magari giocando a calcetto, di dichiarare di essere stati urtati e fatti cadere da auto durante una manovra di parcheggio; l’acquisto di auto di grande valore, rivendute in Paesi africani dove i controlli sono “a maglie larghe” e poi dichiarate come rubate. Un’abitudine tutta nostrana, diffusa ovunque, è quella dell’esagerazione delle conseguenze di banali tamponamenti, con improbabili distorsioni del rachide cervicale. C’è poi il fenomeno della connivenza di artigiani senza scrupoli che gonfiano ad arte i danni. Tutto questo determina un costo medio dei sinistri molto più elevato in Italia rispetto al resto d’Europa, che fa riscontro a premi altrettanto elevati.

Come si scoprono le frodi?
Non c’è bisogno di scoprirle. Sono sotto gli occhi di tutti. Il problema è che esiste poco interesse a farle emergere. Per quanto riguarda i sinistri organizzati da criminali organizzati, sono convinto che in passato non venissero denunciati dalle Compagnie per paura di ritorsioni sul personale che opera in periferia negli ispettorati sinistri; in passato preferivano pagare, oggi preferiscono abbandonare il campo. Stesso discorso vale per gli agenti. Manca una rete di protezione contro la criminalità.

E per quanto riguarda la lievitazione ingiustificata dell’entità dei piccoli sinistri?
C’è da fare i conti con una serie di fattori che oggi le Compagnie stanno iniziando a controllare attraverso lo sviluppo del risarcimento in forma specifica, cioè garantendo direttamente la riparazione dei veicoli presso propri centri convenzionati in luogo del risarcimento in denaro. L’Agenzia antifrode dovrà scoprire le truffe attraverso la consultazione incrociata di varie banche dati, da quella dei sinistri, obbligatoriamente alimentata dalle compagnie, a quella dell’Isvap, dell’Inail, della Motorizzazione civile, dell’Aci, del settore creditizio e finanziario. La frequenza dei sinistri di una certa tipologia, la ricorrenza di targhe, nomi (o codici fiscali), la presenza o no di situazioni finanziarie o assicurative anomale, di precedenti e molti altri dati potranno essere indicatori di anomalie. Ma, come ho già detto, le truffe sono sotto gli occhi di tutti.

di Ezio Notte @ 00:01


7 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 7 Commenti

  1. Tutto giusto quello che dice il sig. Pisano. Oltre alle organizzazioni malavitose (che purtroppo ci sono al Sud ma non solo per la rca) e’ vero che ci sono sinistri fasulli. E’ vero anche che al Nord ce ne sono altrettanti, solo che la frequenza e’ inferiore ma i costi sono eleveti per ogni sinistro. Non pensiamo pero’ che le compagnie paghino solo sinistri rca falsi, ma parliamo dei rischi industriali, dove per ogni sinistro (non sempre genuino!!!) si sborsano svariate migliaia di euro…..In ultimo volevo precisare che per lo stesso danno, a parita’ di condizione ci sono divergenze a favore di varie zone d’Italia. Le compagnie poi, pagano i propri fiduciari una miseria per la singola perizia e vogliono degli adempimenti sempre piu’ veloci e complessi, tali da organizzare una struttura che non puo’ reggere i costi………..Questo lo vogliamo dire o no? Vogliamo anche dire che le compagnie, cercano di pagare il meno possibile facendo anche il lavaggio del cervello ai propri periti tecnici ed ai medici legali che loro pagano?? Ci vorrebbe l’agenzia antifrode ma anche per indagare sull’operato del cartello delle companie di assicurazione..
    Riflettiamoci e capiremo che e’ vero

    Commento by felice — 18 giugno 2010 @ 07:42

  2. Anche questo è vero, ma in tema di ramo RC Auto i sinsitri rischi industriali non hanno rilevanza.

    E’ evidente un contrasto fra idee e strumenti: si invoca la concorrenza perfetta affinchè gli assicurati possano muoversi ogni anno da un intermediario all’altro.

    Dopodichè i su menzionati intermediari commercializzano prodotti di solo 4 gruppi assicurativi che si spartiscono il 75-80% del mercato. Che senso ha promuovere un continua mobilità della clientela se dopo la stessa trova i medesimi prodotti?
    Trascuriamo poi i discorsi in tema di consulenza e servizio.

    Commento by Renzo Fain Binda — 18 giugno 2010 @ 12:56

  3. Concordo appieno

    Commento by gold — 18 giugno 2010 @ 17:08

  4. […] È un’emergenza sociale, nel 2007 (più recenti dati disponibili), i sinistri riconducibili a fenomeni criminosi a danno delle Imprese di assicurazione sono stati 83.305, per un importo di 289 milioni di euro, […]

    Pingback by Ma gli esperti in infortunistica stradale potrebbero un po’ offendersi… | Automobilista.it — 11 luglio 2010 @ 00:05

  5. Le assicurazioni dovrebbero prima lavare i panni sporchi in casa, prima di accusare.
    Per esperienza diretta, posso affermare che dietro molte frodi ci sono le agenzie stesse.
    Io personalmente, sono stato “VENDUTO” dalla mia agenzia, per favorire una frode (danni gonfiati all’inverosimile), in favore della mia controparte, sorella di un perito assicurativo.
    L’atteggiamento della sede centrale è in perfetta complicità con i suoi uffici periferici, nonostante siano anch’essi vittime della frode.
    Mi hanno dato l’impressione che la gestione dei soldi l’intendano come “cosa nostra”.

    Commento by Pietro — 12 luglio 2010 @ 13:26

  6. […] autostradali che rincarano. Il tema è caldo. Trascriviamo una chiacchierata con Roberto Pisano, agente di assicurazioni plurimandatario, nonché presidente provinciale di Cagliari dello Sna […]

    Pingback by Temi scottanti della Rc auto: intervista all’agente Pisano | Automobilista.it — 3 agosto 2010 @ 00:03

  7. […] a dovere, sente i testimoni, valuta le effettive ferite, chiama il personale medico. Ma le truffe sono sempre dietro l’angolo, pur di ottenere quattrini. Idem in caso di tamponamento. E non ce la […]

    Pingback by Quello che non ci piace del ritiro immediato della patente: appello al Governo affinché elimini la nuova norma | Automobilista.it — 2 settembre 2010 @ 22:53

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.