OmniAuto.it

8 luglio 2009

TuOpreventivatOre Isvap: quei 60 giorni non ci convincono

Sul sito Isvap (vigila sulle Assicurazioni), c’è un mega-preventivatore che fornisce tutte le tariffe Rca del mercato: qui. Noi l’abbiamo testato e funziona bene. TuOpreventivatOre, così si chiama, ti fa confrontare i preventivi in base alla loro convenienza economica, così poi scegli quello meno costoso e puoi risparmiare rispetto alla tua Rca.

Perfetto anche che il servizio sia gratuito e anonimo: vero. Per attivarlo, l’utente deve rispondere a un questionario, ma non occorre che dichiari le sue generalità; basta fornire un indirizzo e-mail dove ricevere il pdf con i preventivi.

Ma c’è un punto che non convince noi di Automobilista.it. Sul sito si dice: “I preventivi elaborati dal sistema sono comunque vincolanti per le imprese per almeno 60 giorni dalla data del loro ricevimento e comunque non oltre la durata della tariffa in corso”. Allora, noi capiamo così: il preventivo vale almeno 60 giorni, ma non va oltre la data di scadenza della tariffa. Per esempio, se riceviamo il pdf il 1° luglio 2009, i preventivi valgono almeno fino al 1° settembre 2009, ma non oltre la scadenza della tariffa, che può essere il 1° dicembre 2009 o anche un’altra data più in là nel tempo.

E invece, sorpresa: la nostra prova ci dice che i preventivi hanno una durata di circa 60 giorni. A volte durano meno: 15 giorni, 30 giorni, 45 giorni. Se il pdf è del 1° luglio, ci sono scadenze del 15 luglio, così come altre scadenze del 1° dicembre.

Secondo noi, si tratta di un piccolo errore nel sito Isvap. Ma che può trarre in inganno chi intende sfruttare i 60 giorni per decidere se comprare una Rca. Non vorremmo, cioè, che un assicurato si rivolgesse a una Compagnia convinto della validità temporale della Rca, per vedersi invece rilasciare in agenzia un preventivo diverso e più costoso: di solito, di questi tempi, se c’è un cambiamento tariffario, è comunque verso l’alto.

di Ezio Notte @ 18:32


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.