OmniAuto.it

16 dicembre 2010

Tutor, estasi da multa

A caccia del tesoro autostradale

Dati parziali, ma indicativi. Da qualche mese sulla Torino-Savona c’è il Tutor, il mostro imbattibile (ma noi di Automobilista.it solleviamo qualche dubbio, vedi – fra i numerosisissimi post – qui, qui, qui e qui): dal 1° agosto all’11 dicembre 2010, 4.244 multe agli automobilisti nei tratti verso il mare (Carmagnola-Marene e Quiliano-Savona) e verso Torino (Castelnuovo di Ceva-Priero e Marene-Carmagnola).

Quanti soldi ha incassato lo Stato, cui vanno le multe del Tutor?

Chi supera i limiti massimi di velocità di non oltre 10 km/h, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma di 38 euro. Per chi supera di oltre 10 km/h e di non oltre 40 km/h i limiti, 155 euro. Fra oltre 40 km/h ma di non oltre 60 km/h, 500 euro. Oltre 60  km/h, 779 euro.

Un calcolino. Facciamo 100 euro a multa (una media approssimativa). Per oltre 4.000 verbali, fanno 400.000 euro. In quanto tempo? Quattro mesi. Sono 100.000 euro al mese in quei tratti striminziti.

Adesso pensate a tutta la rete autostradale coperta da Tutor, ed ecco il colossale business. Estasi.

di Ezio Notte @ 00:01


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.