OmniAuto.it

22 marzo 2011

Udito, basterebbe il normale esamino

Udito per guidare: fondamentale

A Torino, qualche tempo fa, una ragazza è morta a causa di un incidente stradale provocato da un automobilista 82enne sordo. Non sarà questo l’unico caso in Italia. Da qui, però, e da altri incidenti gravissimi come quello, si parte per dire che serve l’introduzione obbligatoria del test audiometrico strumentale. Se vuoi ottenere o rinnovare la patente, dimostrami che ci senti. È quanto emerso a una tavola rotonda per discutere di “Sicurezza stradale e udito”.

In linea di massima, io sono d’accordo. E in generale servono esami molto più serveri prima di dare o rinnovare la patente. L’udito (insieme alla vista) è uno dei sensi più influenti sui livelli di attenzione alla guida. Il suo deficit ha forti ripercussioni sulla sicurezza degli utenti della strada.

Pur tuttavia, già l’esamino scemo e soggettivo di oggi sarebbe bastato a non dare la patente all’82enne sordo. Uno gli chiede a bassa voce qualcosa, e se quello non ci sente, non gli dai la patente.

E se invece la patente se l’è comprata (ma eslcudo…), allora il tizio si comprerà in futuro anche il test strumentale.

foto flickr.com/photos/jemsweb

di Ezio Notte @ 00:39


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. E chi nasce sordo? E ha un lavoro?

    Commento by Raoul — 28 marzo 2011 @ 12:38

  2. Ci sono commissioni specifiche che esaminano i singoli casi.

    Commento by Ezio Notte — 28 marzo 2011 @ 21:27

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.