OmniAuto.it

19 gennaio 2013

Un autovelox, due foto: schifezza

Velox-vampiri

Mi arrivano decine di segnalazioni da parte di automobilisti che ricevono multe per infrazioni mai commesse. In particolare, eccessi di velocità. Chiedono la foto, e notano che ci sono due auto: come avrà mai fatto l’agente a dire che è la tua ad aver superato il limite di velocità? E poi, che ha fatto: la conta per sparare la multa a caso, oppure ha inviato la multa a entrambe le auto? Ma alla base di tutto questo c’è un’enorme fregatura: in nessuna legge è scritto che non ci debbano essere due auto nella foto dell’autovelox, così arriva il solito difensore mediatico di Enti locali e Assicurazioni a dire che quelle multe sono legittime. Già: due auto in una foto, e multa legittima. Ancora un po’ e arriveremo a farci fare una foto di 10 auto nel traffico, così a caso, a inviare 10 verbali, e a dire: ora sono cavoli tuoi, difenditi, il Grande Fratello ti ha immortalato. Loro, Comuni, Province e altri, si basano sul fatto che il Codice della strada è scritto coi piedi, dice e non dice, trovano il varco e s’infilano per succhiarti i soldi. In materia di controlli elettronici in automatico, senza agenti, è un caos totale che avvantaggia chi deve rastrellare quattrini alla facciaccia tua, spalleggiato da qualche uomo giusto nei posti giusti che non denuncia questa porcheria.

L’altra fregatura è il prezzo per fare ricorso. Se vuoi andare da un Giudice di pace a ragionare, paghi 37 euro di tassa, che non rivedrai mai più. Allora, devi difendere un tuo diritto pagando. Vinci, e le cucuzze non te le ridanno. L’inferno è che paghi allo Stato, ma i soldi deve ridarli l’Ente contro cui ricorri. Ma tu pensa che diavolo di inferno hanno messo in piedi pur di alleggerirti il portafogli. Che schifezza.

Se potete, avete tempo, siete incazzati il giusto, abboffateli di ricorsi, con la foto che fa vedere le due auto. Fatevi aiutare da un legale, meglio non da soli se ballano tanti soldi. Maggiori info: ezio.notte at omniauto.it

di Ezio Notte @ 13:53


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.