OmniAuto.it

9 ottobre 2011

Un pirata straniero al giorno toglie l’italiano di torno

Sangue sulle strade italiane

I numeri della pirateria stradale sono da brivido: l’Asaps (Amici Polstrada) parla di 644 gli episodi con 99 morti e 759 feriti. Gli ubriachi o drogati sono il 22%. Ma il dramma è che un pirata su quattro è straniero, come se in Italia ci fosse uno straniero su quattro. È il segno dei tempi, un’Italia non pronta ad accogliere questa povera gente, che ormai è talmente disperata da salire in macchina ubriaca o tossica, pronta a uccidere qualcuno. Involontariamente, s’intende: c’è l’omicidio colposo.

I Disegni di legge hanno tempi biblici: chissà quando arriverà il tanto sospirato reato di omicidio stradale, che s’avvicina a quello volontario, e spaventa davvero. Dicono che non sia una misura deterrente a sufficienza. E allora sarà deterrente l’omicidio colposo, con la gente a casa dopo poche ore: basta patteggiare e via.

Facciamo pochi figli, e i maschietti hanno così paura del futuro da non farne; e i figli che ci sono vivono nel pericolo della pirateria stradale. Ci faranno fuori in auto.

foto flickr.com/photos/meganschuirmann

di Ezio Notte @ 21:46


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.