OmniAuto.it

4 dicembre 2012

Un utilissimo ritiro della patente

Alcol assassino. Ma pure alleato della giustizia

Sono le tre di venerdì notte quando una pattuglia della Polizia stradale di Genova ferma una vettura in lungomare Canepa a bordo della quale ci sono tre rumeni. L’autista ha bevuto un po’ troppo, come viene confermato anche dal test etilometrico al quale gli agenti lo sottopongono: patente ritirata e la necessità di trovare qualcuno che riporti a casa i tre amici, visto che nemmeno gli altri due sono in condizione di guidare. Ottimo.

Un apprezzamento troppo pesante alla sua donna, questo è il motivo per cui tre anni fa, a Bucarest, il 43 enne V.P. irrompe con due amici nella casa di colui che deve pagare quella che considera un’onta troppo pesante. V.P. massacra di botte il malcapitato e scappa dal suo Paese che, un anno dopo, lo condanna in contumacia per lesioni gravissime.

L’uomo arriva quindi in Italia ma la giustizia balcanica non si arrende e nel 2012 emana un ordine di cattura internazionale.

Sono le quattro di venerdì notte quando il telefono di V.P. squilla, dall’altra parte del filo tre suoi connazionali, tre suoi amici che hanno bisogno di lui per tornare a casa perché la Polizia stradale ha appena ritirato la patente a uno di loro.

V.P. chiama un taxi e raggiunge Lungomare Canepa, ma anche lui ha bevuto troppo e l’etilometro lo conferma. Gli Agenti a quel punto non possono certo affidargli la macchina altrui ma già che ci sono controllano i dati di V.P. e sullo schermo del terminale della sala operativa inizia a lampeggiare un allarme in tutte le lingue del trattato di Schengen : “International arrest order “.

La latitanza di V.P. finisce in tarda mattinata nel carcere di Marassi dove attenderà l’estradizione verso il suo paese: laggiù ha lasciato un conto da pagare.

Quando si dice un ritiro della patente utilissimo. Visto che i controlli sull’alcol servono eccome? Questo post andrebbe letto ai politicanti a favore dell’alcol…

di Ezio Notte @ 00:00


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.