OmniAuto.it

8 gennaio 2014

Vecchio bollo auto: avviso di accertamento della Regione Lombardia. Se il bollo l’ho pagato, però, la Regione dovrebbe risarcirmi: 1.000 euro

Che vergogna

Ecco la letterina che la Regione Lombardia sta inviando ai cittadini. “Tassa automobilistica regionale. Avviso di accertamento e contestuale applicazione di sanzioni. Dalle verifiche effettuate sugli archivi regionali, è emersa l’irregolarità nel versamento della tassa automobilistica per l’anno 2011 per il veicolo targato AABBCCDD di proprietà di Pinco Palla. Si procede quindi all’emissione del presente avviso di accertamento per la tassa ancora dovuta, più la sanzione. Nel caso lei abbia già pagato, potrà agire secondo le modalità qui descritte”. Dopodiché, si invia via fax o via mail la risposta del contribuente. In tutto, 6 pagine scritte in aramaico. Con istruzioni confuse e disordinate.

Al di là della sparata nel mucchio da parte della Regione (qualche povero Cristo che non ha conservato la ricevuta c’è), esiste un problema preciso: se io ho pagato, perché la Regione mi chiede di pagare il bollo più la sanzione? Secondo: se io ho pagato, la Regione Lombardia mi spaventa. Mi fa perdere tempo e denaro. Causa stress. Per tutto questo, la Regione dovrebbe risarcirmi: diciamo 1.000 euro. Da tagliare a qualcuno che lavora in quel dannoso carrozzone politico.

Questa storiaccia dei bolli vecchi è indegno d’un Paese civile, e ci fa entrare nel gorgo del Centro Africa, con politici e burocrati che sarebbero perfetti per quelle latitudini. Che schifezza.

di Ezio Notte @ 22:05


3 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 3 Commenti

  1. Io mi diverto molto a pagare il bollo presso uffici postali di paesini lontani dal capoluogo di regione o addirittura in altra regione confinante , sapendo benissimo che poi agli uffici preposti , non arriva mai la prova che ho pagato se non con tempi bibblici ( cosa che avviene rapidamente pagando all’ACI). Puntualmente dopo qualche anno arriva la “letterina” alla quale rispondo allegando copia del bollo versato e alleganto lunga sequela di contumelie e parolacce varie….. Ultimamente ho risposto in latino , con la speranza che abbiano tradotto…….
    Si potrebbe fare una norma più chiara e precisa: passati i 365 giorni fatidici , nulla è più dovuto o da dimostrare …. e questo per tutto dalle multe alle bollette ai 730. Per difendermi ho un archivio spaventoso in casa , con i bolli conservati ancora della Fiat 600….!!!!

    Commento by antonio — 14 gennaio 2014 @ 00:16

  2. oggi per radio mi e’ sembrato di sentire che ci sarebbe la possibilità di condonare i bolli entro il 28 febbraio, non ho capito però se si trattava di bolli su cartelle esattoriali o da accertamento della Regione Lombardia.
    Qualcuno sa qualcosa di più preciso?

    Commento by Alfonso — 23 gennaio 2014 @ 17:24

  3. È una norma che c’è da tempo. Ora Equitalia accelera. Soluzione: andare da Equitalia a chiedere. Si armi di santa pazienza…

    Commento by Ezio Notte — 23 gennaio 2014 @ 19:42

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.