it.motor1.com

24 October 2018

Tesla, finisce il sogno guida autonoma? Bufala

 

Tesla: da sempre scatena invidie e gelosie

Tesla: da sempre scatena invidie e gelosie

Un famoso quotidiano dice, sul proprio sito web, che finisce il sogno di Tesla: stop alla guida autonoma. Una bufala. In realtà, l’opzione “Full Self Driving” è sparita dal configuratore online presente sul sito della Tesla. Ma è cosa ben diversa.

Un conto è dire: fine del sogno Tesla. Un conto è che sia solo sparita dal configuratore online l’opzione “Full Self Driving”.

E perché mai l’opzione “Full Self Driving” è stata tolta dal configuratore? Semplice: faceva confusione. Lo ha detto Elon Musk, il fondatore della Tesla.

Un conto è togliere l’opzione “Full Self Driving” dal sito Tesla. Un conto è togliere il sogno, che c’era, c’è e ci sarà ancora.

Il guaio è che gli sprovveduti ci cascano. Molti stupidotti leggono mezza frase e si lasciano condizionare. “Se lo dice il quotidiano famoso, sarà vero”. Un disastro mediatico, peggiorato dal passaparola scemo e incontrollato sui social. Un virus devastante a propagazione fotonica.

Ma passiamo alla seconda domanda: perché mai il famoso quotidiano dovrebbe sputtanarsi a quel modo e sparare la bufala? Mistero. I più maliziosi potrebbero sostenere che la bufala attira clic, genera traffico. Più visitatori uguale più pubblicità. Più pubblicità uguale più soldi. Ma è solo una teoria campata per aria.

In tutto questo, mandando a prostitute l’informazione automotive, si fa un regalo al vicepremier Luigi Di Maio. Il quale sostiene che i quotidiani e i giornalisti sparino bufale. Di rimando, quegli stessi quotidiani e i giornalisti si offendono: non è vero che spariamo bufale, sei tu ignorante. Una guerra, quella contro chi accusa i giornalisti di raccontare fesserie pur di attirare visitatori o di mettere in cattiva luce qualcuno o qualche azienda, che si vince solo in un modo: il giornalismo pulito. A partire dal settore auto. Che è sacro e non va stuprato con porcherie di infimo livello.

di Ezio Notte @ 22:06


No Comments

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento »

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Lascia un commento