OmniAuto.it

30 giugno 2012

Benza in autostrada: così si distrugge un settore

Il declino della benza in autostrada

La benza in autostrada sta morendo.

In otto anni (dal 2003) la rete ha perso 1,338 miliardi di litri, pari ad un -31,58%; il 2011 ha segnato il decremento più significativo sull’anno precedente (-9,38%), anche se non si tratta del più negativo sul piano assoluto (300 milioni di litri su 304 del 2008 rispetto al 2007); dal 2003 i quantitativi di benzine si sono decrementati di ben 858 milioni di litri (pari ad un -58,93%) e quelli di gasolio di 480 milioni di litri (pari ad un -17,26%); il mix delle quote di prodotto è passato per la benzina dal 34,36% del 2003 al 20,63% del 2011, per il gasolio dal 65,64% al 79,37%; nello stesso intervallo di tempo (2003 – 2011) la rete ordinaria ha perso 4,281 miliardi di litri, pari ad un -13,70%.

Infine, la quota dei consumi in autostrada è passata dall’11,94% del totale nel 2003 al 9,71% del totale nel 2011; e le vendite del 2011 sono attestati sui valori che, all’incirca, sono stati registrati per 1985.

Il problema è che è tutto vecchio in autostrada, e sono in troppi, anche se è brutto dirlo. Occorre un processo di razionalizzazione e ristrutturazione, contro la frammentazione di mercato. Vanno presi gli impianti marginali ed eliminati. Con gli scontoni solo di poche Compagnie, poi, le cose peggioreranno.

di Ezio Notte @ 23:55


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.