OmniAuto.it

16 giugno 2013

Concorrenza Rc auto: l’Ania fa sobbalzare

Psicodramma Rca

L’Ania (strapotente Confindustria delle Assicurazioni) dice che in Italia c’è concorrenza nel mercato Rca. Già, e allora l’Ania deve dirmi perché le tariffe Rc auto dal 1994 (anno della liberalizzazione del settore Rca) sono schizzate su di quasi il 200%. Non sarà mica perché l’80% del mercato Rca è in mano a sei Gruppi assicurativi? Così: è un piccolo dubbio.

Le seguenti parole dell’Ania (che comunque fa lobbying legittimo, per carità) fanno sobbalzare:

“Il mercato della rc auto in Italia è un mercato competitivo” . Lo sottolinea l’Ania, commentando l’avvio dell’istruttoria deciso dall’Autorità Garante della concorrenza e del mercato in riferimento a clausole poste in essere da otto compagnie con la presunta finalità di impedire la diffusione di reti in plurimandato. “Le imprese di assicurazione italiane – osserva l’Ania – rispettano le leggi: le clausole dei contratti di agenzia oggetto dell’istruttoria sono conformi alla natura del rapporto fiduciario che si instaura tra un’impresa e un agente. Quest’ultimo secondo il Codice Civile è l’intermediario incaricato di sviluppare gli affari dell’impresa mandante. Se la previsione di clausole è di per sé una violazione alla concorrenza, scompariranno i contratti di agenzia e le imprese offriranno i loro prodotti attraverso altri canali”.

E due:

In nessun altro paese d’Europa  si pongono problemi di questo genere. Il mercato e le imprese – dice Minucci (presidente Ania) – hanno sempre rispettato le norme e sempre rispettato i divieti introdotti dalle lenzuolate di Bersani, non c’è nessuna situazione nuova. Se poi si dovesse vedere che in  qualche clausola di contratti può essere vista una norma che tende a ridurre la praticabilità, mettono in discussione il rapporto fiduciario  che intercorre tra imprese e agenti. Ma questo a danno non delle imprese ma degli agenti, che guardano con preoccupazione a queste iniziative”.

Sì Minucci. Ma in nessun altro Paese d’Europa la concorrenza fra Assicurazioni è così scarsa, in nessun altro Paese d’Europa le Rca sono così costose. Poi andrei anche a controllare i risarcimenti e i tempi dei rimborsi… In nessun altro Paese d’Europa ci sono i vari Governi che regalano leggi ad hoc per le Assicurazioni (vedi lesioni fisiche e indennizzo diretto). In nessun altro Paese d’Europa c’è un partito di sinistra (il Sel) che vuol fare regali alle Assicurazioni: pazzesco.

di Ezio Notte @ 20:40


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.