OmniAuto.it

21 agosto 2011

Omicidio stradale. O altre morti

Priorità: omicidio stradale

Estate di sangue sulle nostre strade per via dei pirati della strada. Ubriachi, uccidono e scappano. Ma la fanno franca anche se vengono beccati. Nel Codice penale, c’è al massimo l’omicidio colposo, quindi non volontario. Un buco normativo. Per questo, oggi più che mai serve l’omicidio stradale, a meno che non si volgiano consegnare le strade italiane a pazzi scatenati che bevono e uccidono.

Cominciamo a mettere loro paura con una bella leggina. Poi se ne riparla.

Nel caso di lesioni gravi o morte provocate da un guidatore di un veicolo che si pone alla guida in condizioni di ebbrezza (tasso alcol superiore a 0,8 g/l) e/o sotto l’effetto della droga la proposta implica che, anche con patteggiamento e rito abbreviato, l’assassino si fa almeno un giorno di carcere o di misura restrittiva.

di Ezio Notte @ 23:33


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.