OmniAuto.it

26 marzo 2011

La constatazione amichevole non è la Bibbia

Il Modulo blu non è un dio in Terra

Ma quando la smetteranno i mass media di dire che la constatazione amichevole fatta col Modulo blu firmato da entrambi i guidatori è la Bibbia? Contano il verbale delle Forze dell’ordine e l’apprezzamento dei giudici eventualmente. Cassazione (terza sezione civile), nella sentenza 6526/2011: “In caso di litisconsorzio necessario, la confessione resa da alcuni soltanto dei litisconsorti, è, per l’appunto, liberamente apprezzata dal giudice“. In più: “In tema di responsabilità dei sinistri derivanti dalla circolazione stradale, l’apprezzamento del giudice del merito in ordine alla ricostruzione delle modalità di un incidente e al comportamento delle persone alla guida dei veicoli in esso coinvolti si concreta in un giudizio di mero fatto, che resta insindacabile in sede di legittimità, quando sia adeguatamente motivato e immune da vizi logici e da errori giuridici”.

È anche una sentenza che aiuta chi sbaglia: se il guidatore A è stato danneggiato nell’incidente, senza responsabilità, ma nel Modulo blu scrive fesserie (magari sotto stress), ammettendo il torto, il guidatore B si becca i soldi del risarcimento. La Cassazione vi soccorre, ricordatevelo.

foto flickr.com/photos/meddygarnet

di Ezio Notte @ 21:37


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. A me è capitato che, la controparte ha prima accettato di compilare il modulo CAI,e, dopo aver messo i dati di entrambi, io barravo indelebilmente la casella spettantemi nella tabella della dinamica.
    A quel punto, lei si rifiutava di barrare le sue caselle, alterando la dinamica del sinistro in suo favore.
    Di conseguenza mi rifiuto di firmare il modulo.
    Lei lo presenta ugualmente, con firma singola (la sua), sempre con la parte della tabella spettantegli in bianco, come denuncia di sinistro, insieme ad un preventivo gonfiato.
    L’ agenzia della compagnia (la stessa per entrambi), fà finta di niente, nonostante le mie rimostranze, accetta il modulo e mi dà la totale responsabilità del sinistro.
    Sicuramente, se dovesse ricapitarmi, non scriverò più per primo sul modulo.
    Questa legge, grazie al Cai monofirma, favorisce truffatori e assicuratori meschini.

    Commento by Pedro — 27 marzo 2011 @ 17:41

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.